Disinfezione cisterne

La pulizia e disinfezione delle cisterne dell’acqua, nel Comune di Genova, è resa obbligatoria dall’art. 40 delle disposizioni per l’ igiene del suolo e per l’abitato del Comune di Genova, che cita:

“Le case provviste di acqua potabile…devono avere… un serbatoio quale deposito di riserva per brevi interruzioni di distribuzione idrica… Le cisterne devono essere ripulite e disinfettate, e l’acqua sottoposta ad esame batteriologico almeno una volta all’anno”.

e dall’Ordinanza del Sindaco n° 812/77, che cita:

“art. 5 – I ripartitori ed i serbatoi dell’acqua potabile, tutti i pozzi, le cisterne ed i depositi (sia all’esterno che all’interno) di fabbricati civili, rurali ed industriali, devono essere puliti, disinfettati e tenuti in piena efficienza, perché costituiscono dotazioni idriche di riserva”.


Il servizio è della massima importanza per ridurre le possibilità di contaminazioni al fine di  salvaguardare la salute pubblica, e viene svolto mediante:

- svuotamento della cisterna

- aspirazione dei fanghi prioritari

- disinfezione con soluzione a base di sali quaternari d’ammonio (intervento necessario a garantire l’abbattimento della flora batterica dalle pareti e dal fondo della vasca);

- pulizia accurata delle pareti;

- risciacquo

- aspirazione dei fanghi secondari

- riempimento e applicazione, se necessaria, di alcune pastiglie di sale sodico utili a garantire una buona disinfezione dell’acqua.