Impariamo a conoscerli

zanzara

La ditta Parodi pone la qualità e la professionalità dei propri interventi sopra tutti gli altri aspetti ed è per questo che chi ci prova difficilmente cambia.

Sul luogo degli interventi, locali pubblici o privati, i Ns. operatori applicheranno le migliori tecniche di monitoraggio e successivamente svilupperanno il miglior piano d’intervento alla ricerca delle concause dell’infestazione.

Ecco alcuni degli insetti volanti più comuni.

Le farfalle e le falene (lepidotteri) sono insetti facilmente riconoscibili dalle ali molto ampie e, nel caso delle farfalle, variopinte. Fanno parte di questo ordine il baco da seta, le tarme o tignole, le farfalline dei tessuti e farfalline delle derrate alimentari, dannose per colture e alimenti.
Le forbicine (dermatteri) sono insetti con ali poco sviluppate, e sebbene in grado di volare preferiscono camminare.

La loro caratteristica principale sono le due appendici a forma di tenaglia, detti forcipi, nella parte posteriore dell’addome, utilizzate come organi di presa, offesa e difesa. Sono innocui per l’uomo, anche se la morsa della loro pinza può essere leggermente fastidiosa, ma si possono trovare annidati nella frutta come l’uva o i noccioli fessurati.

Le tèrmiti (isotteri) sono insetti di medie o piccole dimensioni che vivono in colonie. Si possono trovare sottoterra o nel legno, e sono dannose in quanto si nutrono appunto di legno e sostanze cellulosiche come la carta. Le sue colonie hanno invaso e danneggiato in maniera grave oggetti antichi di grande valore artistico, e sono una minaccia per i manufatti lignei e cartacei dell’uomo.

I coleotteri sono insetti sia terrestri che acquatici, con una specie di corazza (le elitre) e ali membranose per il volo. Di quest’ordine fanno parte i tarli, che si nutrono di legno, i vermi della farina e i coleotteri delle derrate. Sono pericolosi per la conservazione delle derrate e dei manufatti, e per la salute in quanto infestanti.

I miriapodi sono artropodi che conducono vita terrestre, sono mandibolati e hanno un corpo allungato costituito da numerosi segmenti aventi ognuno un paio di zampe. Tra questi sono pericolosi per l’uomo le scolopendre, la cui puntura è velenosa. Altre specie sono pericolose per le colture.

Per un maggiore approfondimento vi invitiamo a visitare la sezione “conosciamoli meglio” a lato